Franco Zanotto

VEDI QUI

E-BOOK PUBBLICATO

CARTACEO PUBBLICATO

BIOGRAFIA

REPORT

Tutto è nato una sera che per puro avvenimento fortuito mi è capitato sotto gli occhi, un articolo che parlava della Pro Pueritia, luogo in cui da piccolo ci sono cresciuto, man mano che lo leggevo mi domandavo ma lì c’ero anch’io! Pertanto, chi è questo qui! che scrive? Dopo un’accurata ricerca scopro, in effetti, che lo scrittore in questione lo conoscevo bene e mi ricordavo di lui benissimo; Franco Zanotto, oggi cinquantasei anni, noto design di Torino. Mi affrettati a continuare la ricerca al fine di mettermi in contatto con lui. Osservate bene, che qui si tratta di ritrovare un amico d’infanzia cinquanta anni dopo. Ebbene alcuni giorni dopo ci ritrovammo e parlammo a lungo di quello che era stata la nostra esperienza di quel collegio.

Notai anche che Franco ricordava dei particolari che io avevo completamente rimosso dalla memoria, addirittura aveva delle foto a proposito e queste le vedrete anche voi durante la lettura di questo libro.

Grazie ai racconti di Franco ho scoperto che molti di questi bambini possedevano dei traumi di quelle infanzia, secondo me anche Franco, per ricordarsi quei particolari, per forza di cose anche lui deve essere rimasto traumatizzato a differenza di me che mi sono lasciato tutto alle spalle. Senza portare rancore per i miei genitori che mi avevano rinchiuso in quell’Istituto alla sola età di cinque anni. D’altronde questa è una storia di emigrazione, in quegli anni gli emigranti del sud non avevano né la possibilità di istruirci né quella di mantenerci. So per certo che situazioni simili in quell’epoca sono molti i figli di emigranti che hanno vissuto la stessa esperienza. Tuttavia, molti di loro hanno subito un trauma e tutti noi siamo stati condizionati nello sviluppo emotivo. Una cosa e vivere l’infanzia insieme ai genitori, un’altra cosa e viverla all’interno di un orfanotrofio, io non ero orfano e tanto meno Franco ma a quei tempi non c’erano selezioni vere e proprie, era già una fortuna trovare un istituto che ci ospitava per superare gli anni cupi dell’emigrazione.

Certo, adesso pensandoci bene adesso mi sarebbe piaciuto possedere sia i nomi sia i cognomi dell’intero gruppo e magari mettermi in contatto con gli altri per sapere che vita fanno. Di alcuni, Franco mi ha raccontato, per esempio che il mio compagno vicino di dormitorio si è suicidato per depressione. Pertanto, di molti altri non sappiamo ancora nulla. Le suore che ci hanno cresciuto, io le credevo morte, invece sono ancora vive e vegete forse un po’ invecchiate ma stanno bene.

8 pensieri su “Franco Zanotto

  1. Thank you for the good writeup. It in fact was a
    amusement account it. Look advanced to more added agreeable
    from you! By the way, how could we communicate?

  2. Its like you learn my thoughts! You seem to know so much
    about this, like you wrote the e-book in it or something.

    I think that you just could do with a few percent to pressure the message house a
    little bit, however other than that, that is excellent blog.
    A fantastic read. I will certainly be back.

  3. Hey there great website! Does running a blog similar to this require a large amount of
    work? I have virtually no expertise in computer programming however I was hoping to start my
    own blog in the near future. Anyhow, if you have
    any ideas or tips for new blog owners please share.
    I understand this is off topic however I just wanted to ask.
    Cheers!

  4. I was recommended this website by way of my cousin. I’m not sure whether this post is written by means
    of him as no one else recognize such certain approximately my trouble.

    You’re amazing! Thank you!

  5. You’re so interesting! I don’t believe I’ve truly read through
    anything like that before. So great to discover another person with original thoughts on this subject
    matter. Seriously.. thanks for starting this up.

    This website is one thing that is needed on the internet,
    someone with a little originality!

  6. Helpful information. Lucky me I found your website accidentally, and I’m surprised why this accident did not came about in advance! I bookmarked it.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.